domenica, settembre 10, 2006

encyclopedica - gas e vapore


in realtà ci sono molte invenzioni che hanno tardato nella storia.
non solo la bicicletta e la lampadina.
ma anche altre.
ciò dimostra qualcosa. di sicuro.
passando alle cose serie, un’altra invenzione che ha tardato è stata l’invenzione della cucina a gas, che pure non ha bisogno per esempio dell’elettricità. il gas è disponibile in natura. a metterlo dentro a una roba di ferro non ci vuole poi tanto. e il ferro è stato scoperto nella preistoria, tanto è vero che c’è “l’età del ferro”.
quindi anche la cucina a gas è un’invenzione tardiva.
e del vapore non ne parliamo proprio! perché l’uomo è stato per millenni a guardare il vapore levarsi da diverse cose e stava lì a guardarlo come un idiota senza pensare invece a usarlo.
roba da pazzi…
io mi chiedo: a che cazzo pensava l’uomo quando vedeva il vapore levarsi dalle cose?
a quanto era bello?
alle scimmiette che si spulciano?
ai cazzi suoi?
in quest’ultimo caso sarebbe egoismo.
nel secondo caso sarebbe indifferenza.
nel primo invece sarebbe stupidità.
fate voi.
io la mia opinione ce l’ho. e non rientra nelle tre ipotesi testé riportate.
è scritta qui sotto, giuro.
l’uomo ha scoperto e\o inventato tardi tutte queste cose perché gli pesava il culo.

6 Comments:

Anonymous Anonimo said...

No asstrosio, mavvaffanculo un po' che mo ti devi mettere a denigrare l'uomo che è, invece, un animale intelligente e saggio!
Un sacco di invenzioni contraddicono la tua teoria della tardività delle scoperte semplici, ad esempio nel medioevo avevano inventato il trabocco, che è una tra le cose più inutili e complicate, infatti oggi non lo usiamo più...
vabbè mi sono incartato, ma continuerò a battermi per abbattere le tue barriere psicologiche!!!
PG

11 settembre, 2006 10:06  
Anonymous Rocco De Loturzis Y Azevedo said...

AAhh...
quale immenso piacere nel respirare la purezza dell'essenza di questa aria salubre e nello stesso tempo ricca di cultura...

il trabocco per esempio, io preferisco chiamarlo trabucco, ha per il sottoscritto un fascino indescrivibile, meravigliosa espressione di una vita semplice naturale, ma nello stesso tempo ingegnosa, che soffre della propria pesante assenza nella storia d'Italia.

Soffre, perchè trasmette fascinose emozioni tipiche della dura vita del pescatore sul mare, che la letteratura non ha saputo cogliere...

PG, Astrosio in fondo cià raggione (fanno 5 euro, prego) sulla sua considerazione dell'uomo,
un po meno sulla cucina a vapore e ancora peggio sulle scimmiette
che invece in altri pianeti o in altre dimensioni si traspongono, intersificandosi nelle loro attività che presto detto si adoperano alacremente, ho qui terminato grazie.

Prof. Rocco De Loturzis Y Azevedo
Docente di Sinifinicomania e Praticità di Campo
Università di Tubinga - Distaccamento Europerativo della Fazenda di san Cosè

11 settembre, 2006 10:44  
Anonymous Anonimo said...

e perchè tacere dei fantastici automi meccanici disponibili alla corte del Re Sole??
C'è n'era uno che può essere considerato come il primo robot sessuale a molla della storia, che veniva usato per il sollazzo delle ciniche corti...

z.

11 settembre, 2006 11:14  
Anonymous Rocco, quasi quasi commosso said...

ma voi guardate un po che splendida, corposa, rara, inestimabile espressione del ritardo culturale ed intellettivo della razza umana...
sniff sniff..

quasi quasi mi commuovo...

Rocco Loturzo

11 settembre, 2006 12:14  
Blogger astrosio said...

voi, miei tre moschettieri, voi, miei tre bassotti, voi, miei tre... ttrè! (...se l'acqua è poca, ossia scarseggia, la papera non galleggia!)

11 settembre, 2006 15:14  
Anonymous Anonimo said...

suvvia massennonsai nemmanco i nostri nomi di battesimo... maqquali mosquetteers!!!

sono disilluso

PG disilluso
(vabbè quelli di rocco e zorro li sai) sono ancora più disilluso!

11 settembre, 2006 16:57  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home