giovedì, dicembre 14, 2006

citazioni - parte "vattelappesca"


"tre sono i principi essenziali", dichiarò il dottor robert.
"intimidazione..."
il re suonò con il flauto qualche nota triste...
"...isolamento..."
...che si sviluppò in un motivetto malinconico...
"...e costrizione."
...per terminare in una lunga nota simile a un sospiro.
"in questo modo", continuò il dottor robert, "tutte le possibili fonti di eccitazione sono soppresse e al paziente è negata la materia su cui fabbricare le sue fantasie e idee errate."

Susanna Clarke - da "JONATHAN STRANGE & Il Signor NORRELL"

23 Comments:

Anonymous La Mary said...

Anche la fustigazione non ci stava affatto male... Astrosio sei nel tuo periodo dark, vero?

14 dicembre, 2006 14:22  
Blogger astrosio said...

bah, sono uno con in testa un cilindro, il corpo di un drago e le ali da pipistrello...
in sostanza: sto riflettendo se "dark" sia una categoria dell'astruseria come l'altrologica, per citare l'ottimo PG...

14 dicembre, 2006 15:03  
Anonymous Anonimo said...

avete già pisciato dentro un boccale da birra? non è male.

14 dicembre, 2006 15:16  
Blogger astrosio said...

anonimo, i gusti sono gusti.
e se al cane piace leccarsi il cazzo... magari pure a te.

14 dicembre, 2006 15:21  
Anonymous Anonimo said...

beh, io non faccio di queste cose. è che il bagno era occupato da più di mezz'ora.

14 dicembre, 2006 15:25  
Blogger astrosio said...

certo, anonimo, certo... come ho fatto a non capirlo?

14 dicembre, 2006 15:28  
Anonymous Anonimo said...

sei nel tuo periodo dark?
vieni a fare merenda da me che ci vediamo insieme Le onde del destino: è spassosissimo!!!

fiò

14 dicembre, 2006 16:04  
Blogger astrosio said...

odio lars von trier con tutte le mie forze... vorrei pestarlo, sputargli in faccia e costringerlo a chiedermi scusa per i suoi film di merda.
detto questo, una merenda non la rifiuto. mai. durante la proiezione proverò ad andare in stand by. modalità homer simpson.

14 dicembre, 2006 16:19  
Anonymous Niccolò said...

Ho preso questo libro mesi fa, e' in coda che aspetta... ma lo disgelero' preso (forse). Dev'essere ganzo abbestia.
Per il resto, Von Trier merda.

14 dicembre, 2006 16:49  
Blogger astrosio said...

EVVAI! famo na campagna?

14 dicembre, 2006 16:50  
Anonymous Anonimo said...

ma quello che mi voleva far fare un giro sul carrello della Conad dov'è? Avevo già prenotato per un sabato pomeriggio nell'ora di massimo affollamento..
Astrosio: ti ci vuole "un tocco d'ironia"secondo me... Lo incarto?

14 dicembre, 2006 18:10  
Blogger astrosio said...

maryann, era una lei...

sul "tocco d'ironia", scherzi a parte, mi ha fatto morire dal ridere... è stato un tuo tocco da maestro, anzi, da maestra.

14 dicembre, 2006 18:28  
Anonymous La Mary said...

Allora lo incarto, dammi la casella postale!

14 dicembre, 2006 18:34  
Anonymous Rocco Loturzo said...

ODIO QUANDO VI METTETE A DISQUISIRE DI ARTE (E MERDA) CINEMATOGRAFICA

EWWIWA BUD SPENSER E TERENS ILL

Rocco Loturzo

14 dicembre, 2006 18:37  
Anonymous La Mary said...

Bravo Rocco: Viva i fagioli all'uccelletta!Li mangiavano sempre in "Lo chiamavano Trinità" etc..

14 dicembre, 2006 18:42  
Anonymous Rocco Loturzo said...

moohhccc

assenzio senza dubbio alcuno

a parte astrosio, quando non è ubbriaco, conosco solo fighetti che parlano di cinema

e la cosa non è buona....

14 dicembre, 2006 18:46  
Blogger astrosio said...

guarda che stiamo dicendo esattamente la stessa cosa.
leggi meglio fra le righe.
e fai qualcosa per il colesterolo.

14 dicembre, 2006 18:55  
Anonymous Rocco Loturzo said...

magari andrebbe meglio l'acutil!!!

Rocco Loturzo

14 dicembre, 2006 19:52  
Blogger astrosio said...

dai stronzo, non mi disarmare!

14 dicembre, 2006 19:57  
Anonymous Anonimo said...

rocco tesoro, scusa, hai ragione. parliamo della ceretta.
esistono molti modi di farsi la ceretta, che possono dire molte cose di una donna.

14 dicembre, 2006 21:57  
Anonymous Anonimo said...

a freddo? a caldo? chiusa in bagno da sola? in compagnia di un'estetista? con strappo dolorosissimo ma fulmineo? oppure soffrendo tanto e lentamente, pelo dopo pelo, con sofisticati strumenti di tortura tipo epilady? o con una affilatissima pattada sarda con manico in corno di muflone, come ad esempio faccio io?


f.

14 dicembre, 2006 22:02  
Anonymous Anonimo said...

non sempre, però; a volte d'estate li tengo lunghi per farmi fare il solletico sugli stinchi dal vento di maestrale. è molto piacevole.

14 dicembre, 2006 22:19  
Anonymous Anonimo said...

cosa ne pensa il prof. Alessandro Meluzzi?

14 dicembre, 2006 22:26  

Posta un commento

<< Home