lunedì, agosto 20, 2007

Astrosio è tornato. Bentornato. Insomma, non poi tanto. È tornato intero, e questa è già una conquista.
Tre sono le cose degne di nota occorsegli nell’intervallo.
a) Ha trovato una faccia in un albero nel suo giardino. b) Ha sfiorato la rissa in quanto sosteneva di non essere a conoscenza dei prezzi delle case di Melegnano. c) Ha scoperto un nuovo stato della mente che va sotto il nome di “Digestione Mistica”.
Ma andiamo per ordine.
I. Una mattina, durante una prima colazione sulla veranda in compagnia del di lui fratello, Astrosio ha notato che un carrubo nel suo giardino aveva una faccia. E così senza perdere tempo Astrosio ha preso la macchina fotografica e ci ha tirato le foto che chiunque può vedere qui sopra. Ancora non sa cosa significhi il tutto, ma di certo non ha chiamato giornali e telegiornali e non ci ha visto padripii, madonne, buddhi, santi e robe del genere. Se proprio deve scegliere, Astrosio tifa Barbalbero (ovvero un Ent del Signore degli Anelli, per chi si fosse perso il film e\o non avesse letto il libro). (Poveraccio.) E insomma non gli sembrava una buona idea chiamare i giornali per dirgli che c’era Barbalbero nel suo giardino. Eppure, come si può vedere dalla foto, la cosa sembra abbastanza inequivocabile. Non del tutto, ma abbastanza.
II. Durante una serata a dei tavolini di un bar, Astrosio si sente chiamare da una sua amica che gli dice: “Astro, questo mio amico si è comprato la casa a Milano”. Astrosio si avvicina, si presenta e gli chiede: “in che zona di Milano?”, e quello: “a Melegnano.” Al ché Astrosio fa un gesto con la mano e dice : “Ah! Melegnano…” e quello (lo giuro su dio, la madonna, i santi, buddha, maometto, o su chi, a vostra scelta, vi sta in qualche modo a cuore): “cosa vorresti insinuare?!” e Astrosio, esterrefatto, gli risponde: “Nulla, solo che non ho idea dei prezzi delle case di Melegnano.” E quello: “No! tu con quel gesto hai riassunto disprezzo per la mia scelta!” (vabbe’, non ha detto proprio così ma più o meno). E Astrosio: “Ma va! Comunque, se ho fatto qualcosa che ti ha dato fastidio ti chiedo scusa.” E quello: “No! col cavolo! Tu hai praticamente detto che Melegnano è una zona di merda e mi stai prendendo per culo! PAGLIACCIO!”, al ché Astrosio ha fatto il giro del tavolino, gli ha battuto una mano sulla spalla e gli ha detto: “Alzati, e facciamo a botte!” e quello: “No, ma che dici! Non è questo il senso di quanto da me affermato in precedenza!”. E Astrosio: “e vabbe’”, e torna dall’amica. Ma quello: “Tu però mi hai offeso, non dovevi permetterti di farmi quest’affronto!”. E Astrosio: “Ma di che cazzo stai parlando!?!? Cosa stracazzo me ne strafotte di dove straminchia ti sei comprato quella rottinculo di una fottutissima casa??!?! Ti ho detto, se vuoi insistere alzati e facciamo a botte, altrimenti non rompermi più i coglioni!” e quello: “No, tu ti sei comportato veramente male! Sai quanti sacrifici ho fatto per comprare quella casa?!?! Ti rendi conto di quanto mi hai ferito?!?!” e Astrosio: “O, ma chi stracazzo ti conosce?!?! A te e a Melegnano!?!?!” e quello: “No, perché tu con quel gesto…” al ché Astrosio esasperato si è scusato con la sua amica, è andato dal tipo e gli ha detto: “Ma vatteneaffanculo, coglione!” ed è tornato dai suoi amici con cui ha brindato e scolato birre per tutta la notte, infastidendo avventori e molestando donne. Giuro. (Tornato a casa verso le sei o le sette del mattino, Astrosio si è svegliato nel suo letto senza ricordare minimamente come ci era arrivato. n.d.r.)
III. Tale Rodolfo, uomo di saggezza infinita, ha regalato ad Astrosio una definizione di bellezza e profondità senza pari o quasi. Tale definizione si è dilatata nell’animo di Astrosio, assumendo contorni specifici e giustificazioni morali e intellettuali sulle quali non mi dilungo anche perché noiose, probabilmente gratuite e di nessun interesse. Ma però la definizione in oggetto è stupenda. Trattasi della DIGESTIONE MISTICA, ovvero quello stato della mente in cui si precipita, soprattutto in estate, dopo una mangiata galattica magari di frutti di mare crudi, pepata di cozze, cavatelli ai frutti di mare, frittura di pesce, cozze gratinate, spigola di un chilo e mezzo, caffé, amaro, amaro e amaro. Da Lucio. A Torre C. Ecco, dopo una mangiata del genere in genere si sperimentano stati mentali e sensazioni unici nel loro genere. Il mondo sembra prendere a galleggiare (come effettivamente la scienza dimostra che faccia). E si prende coscienza del proprio posto nell’universo. E si comprende in un lampo il senso della vita, il da dove veniamo e il dove andiamo. Peccato che dopo si dimentica il tutto. Se si vuole, nello stato di D.M., si può provare a visualizzare ogni sorta di mistica entità di cui siamo a conoscenza e non. Nel senso che capita a volta di visualizzare entità mistiche di cui non siamo a conoscenza ma che di sicuro mistiche sono. Ma questo è un altro discorso. Il discorso importante è che Rodolfo mi ha regalato questa definizione e gliene sarò per sempre grato. Per quante volte vinca e mi elimini a poker hold’em.

Ecco, questa in tre semplici punti l’estate di Astrosio. Che è stata anche altro. Ma se si dilungasse, Astrosio finirebbe tipo per fare il diario e non un blog astruso. E ad Astrosio, dei diari, suoi o di altri, non gliene frega un cazzo. Tranne se commestibili.

Etichette:

17 Comments:

Blogger angie said...

SE SCRIVO PRIMAAAAAAAAA
AL POSTO DI KAI SECONDO TE MI STROZZA?


PRRRRIMAAAAAAAAAAAAAAAAA

20 agosto, 2007 11:07  
Blogger angie said...

Detto questo, se tanto mi da tanto, ritengo che Tanto sia una persona generosa. Tanto da dire che ha le mani bucate.
Maledetti drogati.

Astrosio Ti Amo.

Ti amo le mani così sono bucate anche le tue.

20 agosto, 2007 11:09  
Blogger astrosio said...

angie, benvenuta, bentornata ecc.
ti amo anche io, mani comprese.
kaishe credo che rimarrà scottata, e insomma, potrebbe essere una cosa buona. appena scottati i cibi risultano gradevoli al palato. anche se kaische non e' un cibo. almeno qui in italia. all'estero, da qualche parte, potrebbe esserlo. e una kaische scottata potrebbe essere una prelibatezza.

20 agosto, 2007 11:14  
Blogger angie said...

A proposito di cibo, leggendo il tuo astruso post mi sono ricordata del mio primo Orgasmo Scampico.
Te ne narro:

La splendida creatura di nome Angie, che tu puoi ammirare in tutta la sua incommensurabile bellezza nelle foto del suo meraviglioso blog che tu non vai MAI a visitare (ma tutto questo preambolo non c'entra un cazzo con il resto del racconto), si trovava in barca col suo papozzo.
Quest'ultimo si sollazzava pescando cozze di svariate forme e gusti e scampi.
Angie aveva sette anni.
Angie cominciò avidamente a mangiare tali prelibatezze appena colte, ed ebbe una sorta di crisi mistica arrivata al primo chilo di scampi.
Da allora ogni volta che le capita di trovare tali molluschi sul suo piatto, essa giace sulla sedia mossa da tremiti di piacere e in preda a un lussurioso estatico orgasmatico momento.

Non vedo l'ora che la donna più bella del mondo e l'uomo più bello della terra si incontrino, chissà cosa potrebbe nascere fra i due.

Un po' come quella puntata in cui si incontrano l'Uomo da sei milioni di dollari e la donna bionica...ma che rumore avranno fatto durante l'incontro amoroso?

gnon gnon gnon...

20 agosto, 2007 11:26  
Blogger astrosio said...

bellissima questa tua storia. e' una chiara testimonianza di digestione mistica. con conseguente orgasmo estatico. secondo me se io e te ci incontrassimo, ci sposeremmo subito e ci direbbero: auguri e figli molluschi.

20 agosto, 2007 11:28  
Blogger angie said...

Io credo che se io e te ci incontrassimo ne uscirebbe una tale bevuta che entrambi, persa completamente la ragione, il torto, i sensi e i non sensi, finiremmo per amarci lussuriosamente come dei ricci.
(Nel senso dei ricci di mare che sono dei molluschi)

20 agosto, 2007 11:37  
Blogger astrosio said...

bene, per i dettagli ne parliamo in privata sede. io sono libero sempre. fine settimana, inizi settimana, media settimana. posso ospitare. max pulizia.

20 agosto, 2007 11:42  
Blogger angie said...

chissenefrega della pulizia.
mi organizzo e arrivo.

20 agosto, 2007 11:51  
Blogger astrosio said...

ti aspetto. sbrigati. non mi piace aspettare. invece un po' mi piace. a volte. dipende da come sto. non sono molto stabile da questo punto di vista. stabile perché non mi venivano parole migliori. ecco. insomma. quasi. forse. puo' essere. puo' darsi. eccetera eccetera eccetera.

20 agosto, 2007 11:55  
Blogger angie said...

Un vero astruso di razza, come lo definiresti tu, Oscar Wilde, scrisse: "Questa attesa è snervante, speriamo che duri"

Io me ne sbatto e vedo di fare il prima possibile.

20 agosto, 2007 12:11  
Blogger Kaishe said...

Quasi quasi temo di disturbare l'idillio...

E sono così felice che Astro sia tornato che mi ca bene pure il piazzamento in SECONDAAAAAAAAAAAAAAA posizione...

Ma ciao, grande Astro luminoso... noi abbiamo tenuto la casa aperta (nei limiti della nostra presenza...).-

Dunque, tutto bene?

20 agosto, 2007 14:02  
Blogger astrosio said...

angie, ti aspetto numeroso. non sai quanto.

kaisheeeeeeeeeeeeeeeeee, grazie di tutto. la casa l'ho trovata in ordine e come se non me ne fossi mai andato grazie a voi. sì tutto bene. e tu? tutto bene? tornata anche tu? eh? eh? eh?

20 agosto, 2007 14:40  
Anonymous MOYA said...

Fa sempre piacere scoprire che le vacanze, oltre a rinfrancare il corpo e lo spirito, riescano a regalare momenti di saggezza da regalare al mondo. La faccia sull'albero è sicuramente CELTICA, non c'è dubbio. E la digestione mistica è una teoria geniale. Poi resta sempre valido il detto, che la mamma dei cretini è sempre incinta, a Deptford come a Melegnano.
Bentornato!

20 agosto, 2007 18:05  
Anonymous MOYA said...

Fa piacere leggere di come certe vacanze astruse, oltre a rifrancare il corpo e la mente, siano capaci di regalare perle di saggezza da regalare al mondo. La faccia sull'albero è sicuramente quella di un dio celtico, o giù di lì. E la teoria della digestione mistica è geniale e merita di essere divulgata ai quattro angoli del globo. Poi resta sempre valido il detto secondo cui la mamma dei cretini è sempre incinta, a Deptford come a Melegnano.
Bentornato!

20 agosto, 2007 18:09  
Anonymous Anonimo said...

COOMENTO SCRITTO IN DUE VERSIONI,MA CON CONTENUTO SIMILARE, NON PER ASTRUSE MANIE DI PROTAGONISMO, MA PER ASTRUSI PROBLEMI DI BROWSER CHE NON STO A SPIEGARE SENNO' TI MANDO IN PALLA IL BLOG. SORRY...

20 agosto, 2007 18:11  
Anonymous Winx said...

Ahahhahah... Ma a Melegnano dove??? Vicino al casello autostradale??? Lì...c'è solo quello!!!:))))

p.s.: ah, dimenticavo... ben tornato!;)

20 agosto, 2007 18:22  
Blogger astrosio said...

moya, io tifo dio celtico. e non ti preoccupare per il raddoppiamento. che oltre ad essere un apparecchio per farsi il doppio mento, è anche quando si indica l'azion del raddoppiare. qui sei di casa e puoi fare un po' quello che ti pare.

winx, bentrovata! eccomunque ti consiglio di non parlare di melegnano. né male né bene. c'è gente suscettibile intorno...

20 agosto, 2007 18:42  

Posta un commento

<< Home