sabato, maggio 16, 2009

cateto

Era sabato. Cateto se ne andava in giro tutto contento e tronfio: io sono cateto, io sono cateto, tu chi sei? io sono cateto. io sono io e voi non siete un cazzo... e via dicendo, cose tipiche da cateto il sabato sera, tipo io sono cateto, io sono cateto.
Era lo stesso sabato. Cateto cominciava già a essere mal visto dal settantaquattro percento degli altri lati avventori dei noti pub frequentati da questi giovani di oggi un pò scapigliati, quando a un certo punto, arriva Ipotenusa: "ah bello, hai rotto li cojoni"
Povero Cateto, dritto a casa

Fambrus

Etichette:

4 Comments:

Blogger Licia said...

Ma buongiorno Astrosio... che begli amici hai!
Quelli che mancano a me, visto che...

IL TRIANGOLO NO
NON L'AVEVO CONSIDERATO

(C'entra poco, eh?)

16 maggio, 2009 08:24  
Blogger astrosio said...

be', no, perche'? c'entra, eccome. ecco. me. BUAHAHA!!! no, niente, cosi'.

16 maggio, 2009 11:51  
Anonymous Siviglia canterino said...

C'era un uomo che viveva a Chicago e gli cresceva l'erba sulla faccia.

16 maggio, 2009 16:05  
Anonymous Rocco Loturzo said...

egli era infeliceeee

18 maggio, 2009 19:40  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home