mercoledì, novembre 18, 2009

a scanzo di ecuivoci


quando ero piccolo facevo molte cose che non ricordo. altre le ricordo. ma non me ne fotte niente. sono passati degli anni e quelle cose non hanno alcuna importanza. e li mortacci di tutti quelli che raccontano le cose di quando erano piccoli che a me mi rompono i coglioni che mi devo sorbire ste fregnacce che secondo loro sono interessanti. ma vaffanculo, va'. ovviamente fatte le dovute eccezioni. (non vorrei, senza volerlo, aver offeso qualcuno che lo voglio bene.) (quindi tutti coloro che si sentono chiamati in causa vengono automaticamente ricompresi nelle eccezioni di cui sopra, ecco.) (no, a scanzo di ecuivoci.)

Etichette:

19 Comments:

Anonymous Siviglia che si é alzato male said...

A essere franchi, a nessuno interessano le cose che hai fatto da piccolo, tranne alle madri cui piace rivangare racconti noiosissimi con amici e parenti.

Credimi, le madri preferiranno sempre raccontare dei tuoi cicli intestinali regolarissimi di quando avevi due anni, piuttosto che di quello che ti é successo due giorni prima. Sempre.

18 novembre, 2009 08:53  
Blogger astrosio said...

no, appunto. ecco.

18 novembre, 2009 09:11  
Anonymous cecchi said...

io mi ricordo astrosio da piccolo: ha proprio ragione, meglio non rivangare!

18 novembre, 2009 10:27  
Blogger astrosio said...

hahaha! buggia! avrei tante cose interessanti da raccontare. ma proprio interessanti quanto non si puo' neanche dire. ecco.

18 novembre, 2009 10:34  
Anonymous Rocco Loturzo said...

Secondo me il reale problema non è nell'oggetto della questione bensì nel soggietto.

Mi spiego meglio, per inciso,
ed ho proprio voglia di scassarvi il cazzo, oggi:

Caso 1)
Se la persona che pretende di raccontarti il ricordo di bambino è un coglione, ed inoltre è in procinto di raccontarti una megastronzata galattica,
allora ciai raggione, vaffanculo chi se ne fotte.
Addendum: ..e se non te ne vai ti meno pure.

Caso 2)
Se però la persona ti sta simpatica, e sto cazzo di ricordo fa ridere sul serio, allora chespettacolo!!
Addendum: ..e ti ricordi di..?

Caso 3)
Se la persona ti sta simpatica, mail suo ricordo è una stronzata, allora vaffanculo, coglione fra tutte le cose che mi potevi raccontare sei riuscito a tirare fuori proprio sta stronzata.
Addendum: ma vai a cagare!

Caso 4)
se la persona non ti sta simpatica, ma il ricordo è da spaccare.. vaffanculo lo stesso!! Non te la do la soddisfazione di ridere del tuo ricordo da spaccare.
Addendum: Coglioooone!!


Caso 5)
Se tu sei ubriaco, ed il tuo interlocutore pure, allora qualsiasi sia la stronzata di ricordo, pure detta male, ridete a crepapelle per ogni singola parola.
Addendum: un altro giro?

Caso 5bis)
Se tu sei ubriaco, ed un tizio che ti sta sul cazzo pretende di raccontare qualsiasi cosa, tipo un ricordo bello, uno brutto o qualsivoglia altra cosa, giù botte e vaffanculo.
Addendum: Assicurarsi la fuga in caso di rissa con intervento delle forze dell'ordine.

A scanzo di ecuinoci, ogniuno di noi è passato per forza da uno di questi esempi.
Addendum: Sticazzi!

18 novembre, 2009 12:01  
Blogger astrosio said...

caro rocco, la tua analisi ha dello speculativo. ed eccede in interpretazione. apprezzo comunque il lavoro, soprattutto al punto 5. ciononotoglie, pero', che in media uno che ti vuole raccontare una cosa di quando era bambino in genere fa cagare gli ussari. a parte casi, per esempio, come quello di quando dario comincio' a dire parolacce sotto la tua finestra per svegliarti e poi tua madre se la prese con me. io accusai dario e lei disse: "no, dario e' un bravo ragazzo e queste cose non le dice". per dire. ecco. era estate, ovviamente. verso le tre del pomeriggio. ovviamente. e tu dormivi, ovviamente. ecco.

18 novembre, 2009 12:16  
Blogger astrosio said...

addendum: avevamo tipo 9 anni. ecco.

18 novembre, 2009 12:17  
Anonymous l'ochetta said...

lo so, è la quarta volta volta che la sento. a questo punto mi devi almeno una trippa: ahaha!!

Rocco la stampo la fotocopio e la distribuisco imeddiatamente: ahahahah!!

18 novembre, 2009 12:27  
Anonymous Anonimo said...

ecco, l'ho anche affissa in aula ricievimento.

18 novembre, 2009 12:39  
Anonymous ussari, a cagaree!! said...

è che a me i 9 anni mi fanno incazzare!!

a 9 anni dovetti cedere il mio ruolo di capobanda maschi-femmine (ahaha! quell'anno i maschi dovevano essere ben ben sfigati!) alla mia vice S. Calisi, pluriomicida del quartiere terrone dove andavo a scuola, che l'ultimo giorno mi portò un sacco pieno di oggetti presi da casa (candelabri, profumi, specchietti dorati etc.) che i compagni "spontaneamente" mi volevano regalare per la partenza...ahaha! (mia madre mi obbligò a riportare indietro tutto, ma qualcosa riuscii a imboscare...)Ogni giorno le scrivevo i pizzini, e qualche volta, per casi molto gravi, venne pure a trovarmi. poi però mi scassai le palle e decisi che il capo era lei.

18 novembre, 2009 14:16  
Anonymous cecchi said...

... oppure come quando rocco dormiva e per svegliarlo io e ermonn gli abbiamo sparato con la pistola a gas ripetutamente sulla finestra e ci ha fermato la polizia e ci voleva arrestare e poi è arrivato dario a dire le parolacce ma siccome era un bravo ragazzo hanno arrestato rocco, 'sti cazzi che dormiva!

18 novembre, 2009 17:14  
Anonymous cecchi said...

comunque a Scanzo si mangia benissimo, un giorno vi invito a pranzo a Scanzo e ci facciamo una bella mangiata di ecuivoci e quiproquo.

18 novembre, 2009 17:15  
Anonymous Rocco Loturzo said...

nemmanco ai domiciliari si può stare tranquilli....

18 novembre, 2009 20:08  
Blogger Yossarian said...

"e li mortacci di tutti quelli che raccontano le cose di quando erano piccoli"

LOL Astros, c'e' di peggio:

Quelli che ti raccontano i sogni!

Yossarian

18 novembre, 2009 21:08  
Anonymous oscar wilde said...

bè, io mi ritiro nelle mie stanze...

ma domani mattina vi racconto tutto!

18 novembre, 2009 22:43  
Anonymous Anonimo said...

mannaggia ricordo poco...solo che ero all'estero e la gentile ospite bionda mi mostrava come pulivano i pavimenti di legno (una spolverata una v. al mese)e a me faceva piacere perché a casa ci avevo il legno sui balconi e anch'io ero dell'idea che col legno non bisognasse menarsela affatto.

19 novembre, 2009 08:32  
Blogger astrosio said...

cecchi, dario dice sempre le parolacce. dovremmo portarlo a confessarsi, secondo me. ecco.

anonima, i pizzini ormai sono sorpassati. in curva. poi dietro la curva c'era nascosta la polizia e insomma, tutto un casino...

yos, se la giocano. vero. io da bambino facevo cosi', quindi sono importante. io faccio questi sogni, quindi sono importante. per dire, ecco. cambiando l'ordine dei fattori il risultato non cambia. ecco.

19 novembre, 2009 08:48  
Blogger astrosio said...

e diciotto.

19 novembre, 2009 08:48  
Anonymous cecchi said...

hai visto mai!

19 novembre, 2009 14:24  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home