giovedì, gennaio 18, 2007

cucina astrusa - pasta alla pasta


ingredienti:
acqua
sale
pasta grossa (penne, rigatoni, fusilli ecc.) 300 gr per due persone.
pasta minuta (stelline, semini ecc.) 100 gr per due persone.

prendete dell'acqua, mettetela in una pentola, accendete il fornello, mettete la pentola sul fornello.
attendere che l'acqua inizi a muoversi emettendo delle bolle che affiorano in superficie.
quindi calare la pasta grossa, mettere il sale.
intanto, a parte, mettere dell'altra acqua in una pentola più piccola, accendere il fornello e mettere la pentola sul fornello.
attendere che anche in questa pentola l'acqua cominci a muoversi come sopra, quindi calare la pasta minuta e mettere il sale.
quando entrambe le paste saranno cotte, scolarle con due appositi e diversi scolapasta, quindi impiattare nel seguente modo: dapprima mettere nel piatto la pasta grossa, quindi condire la pasta grossa con la pasta piccola.
servire.

Etichette:

25 Comments:

Anonymous Anonimo said...

ok stasera ci provo

PG

18 gennaio, 2007 09:38  
Blogger astrosio said...

mi raccomando, è molto importante aspettare che l'acqua si muova.

18 gennaio, 2007 10:50  
Anonymous ymmiT said...

ymmiT

18 gennaio, 2007 13:23  
Blogger astrosio said...

http://www.timkemp.karoo.net/csmono.jpg

18 gennaio, 2007 14:23  
Anonymous Anonimo said...

ma 400gr in 2 non sono troppi?

18 gennaio, 2007 14:40  
Blogger astrosio said...

tutto dipende. soprattutto dalle dimenzioni della pansa.

18 gennaio, 2007 15:06  
Anonymous La Mary said...

Mi chiedo se sarò all'altezza di una ricetta così complicata.... E'sicuramente una difficoltà tre stelle, che cucinano solo al Gambero Rosso...

18 gennaio, 2007 15:53  
Blogger astrosio said...

soprattutto se usi le stelline barilla. in quel caso non si possono praticamente contare... o meglio, di potere si può. però a me scoccerebbe dopo le prime dieci. ma se a qualcuno...

18 gennaio, 2007 16:15  
Anonymous La Mary said...

Stasera la cucino per mio marito. Mi manca solo il marito, ma fa niente, l'importante è che venga bene. A limite sarò io a contare le stelline.

18 gennaio, 2007 17:38  
Anonymous Luciano Battista said...

stasera la cucino al mio gatto. Mi manca solo il gatto, ma fa niente. Anzi no, io il gatto ce l'ho per davvero... cavolo pensavo di scrivere una cosa divertente e invece mi trovo ad un'impasse, con la mia cassa ancora con il nastro rosa, e non vorrei aver sbagliato la mia spesa, o la cassa... no perchè io il nastro rosa mica ce lo avevo messo sulla mia cassa! Allora qui o c'è qualcuno che si diverte a fare scherzi idioti o allora non so proprio come diavolo fare!!!

18 gennaio, 2007 18:09  
Anonymous Un anonimo disfattista said...

GNEGNEGNEEGNEGNEGNEEEE!!

19 gennaio, 2007 19:03  
Anonymous Asiagoldmine said...

Senti, io ieri sera l'ho preparata al mio uomo ma mi ha lasciata dopo averla mangiata. Dove ho sbagliato????

20 gennaio, 2007 14:10  
Anonymous La Mary said...

Dopo la pasta alla pasta attendo fiduciosa il secondo. Un pollo al pollo, un arrosto misto all'arrosto misto o una spigola alla spigola.

20 gennaio, 2007 14:37  
Anonymous Il fratello di PG said...

Buongiorno a tutti sono il fratello di PG, volevo raccontravi la mia storia. Da piccolino credevo che la parola Pollo fosse riferita non ad un animale, ma ad un piatto (che so, tipo timballo) e allora ogni volta che mamma portava in tavola della crane, io chiedevo con insistenza: "Mamma che Pollo è?" e mamma rispondeva che era semplicemnte pollo, non capendo la profondità della mia domanda. Poi un giorno esplicitai la mia curiosità e domandai "Sì Ok ma che pollo è? Cioè Pollo di gallina, pollo di coniglio...?" Allora tutti gli altri fratelli e sorelle si misero a ridere e ci scannamo di sangue...

saluti

22 gennaio, 2007 09:50  
Blogger astrosio said...

questa storia totalizza 8000 nella scala del mio interesse personale, che va da uno a ottomila.

22 gennaio, 2007 10:23  
Anonymous Anonimo said...

Sei un copione, già Mario Merola in "Zappatore" diceva:
"Ie magn' pan' e pan'"

Quindi tu copi le ricette degli altri e le rielabori, spacciandoti per autentico gourmet.

A questo punto propongo la "carne alla carne", "Pane al pane e vino al vino" e "Cesare a Cesare".

22 gennaio, 2007 13:33  
Anonymous Anonimo said...

quella storia me ne ricorda un'altra: da bambina ero un po' ritardata, ho iniziato a parlare molto tardi, preferivo ascoltare le cazzate degli altri da sotto il tavolo, filtrate dalla tovaglia.
Beh, insomma, per farla breve a tre anni ero ancora sul seggiolone e non avevo ancora detto nulla, quando una sera i miei due fratelli più grandi (che cenavano più tardi) mi implorarono dal basso un boccone di carne, ed ecco che il miracolo avvenne: "ha il colera!", risposi a bocca piena ma con voce limpida e ferma. Quest'episodio dimostrò ai miei familiari che almeno sentivo, e che anzi ascoltavo pure il telegiornale.
(a quel tempo c'era il colera a Napoli e in tv non si parlava d'altro).

Licia Colò prima di diventare vegetariana

22 gennaio, 2007 13:43  
Blogger astrosio said...

smentisco la copioneria. la ricetta è mia e mo ci metto pure il copirait. anzi, no. non mi sta andando mo di fare tutte quelle cose per mettere il copirait. la regalo all'umanità. e non ho il colera.

22 gennaio, 2007 15:50  
Anonymous La Mary said...

Grazie del regalo a nome mio.

22 gennaio, 2007 17:13  
Blogger astrosio said...

prego. spero che il resto dell'umanità sia altrettanto riconoscente.

22 gennaio, 2007 18:13  
Anonymous Il resto dell'umanità said...

Grazie se non ci foste stati tu e Fleming non so dove saremmo noi oggi...

22 gennaio, 2007 18:18  
Blogger astrosio said...

vuoi mettere l'iNportanza della mia pasta alla pasta con le scoperte di flaming? che ha fatto lui, d'altra parte? ha solo scritto james bond!

22 gennaio, 2007 18:28  
Anonymous giada said...

astrosio stai perdendo i colpi.

23 gennaio, 2007 15:37  
Blogger astrosio said...

maledetti colpi!

23 gennaio, 2007 16:13  
Anonymous Giada said...

Ti sei impastato

24 gennaio, 2007 11:04  

Posta un commento

<< Home