sabato, giugno 05, 2010

la mattina ha l'oro in culo


sono del tutto convinto che ogni uomo o donna sulla faccia della terra meriti chili e chili di robe con cui costruirsi delle capanne nei boschetti vicino casa e giocare a i indiani. a i. non agli. perche' agli puo' essere equivoco. uno puo' sbagliarsi e capire che sia il plurale di aglio. e pensare che io abbia scritto agli indiani come se esistesse una specie di aglio indiano. e ho scritto specie perche' non mi viene la parola piu' adatta. e ho scritto ho scritto specie perche' non mi viene la parola piu' adatta perche', cazzo, voglio dire, sono le cinque e mezza del mattino. e ho scritto tutto quello che ho scritto fino a qui perche' probabilmente c'e' qualcosa a livello inconscio che mi ha spinto a scrivere quello che ho scritto fino a qui e tutto il resto. ma qualora questo qualcosa a livello inconscio non ci fosse, ebbene, 'sti grandissimi cazzi. la cosa non mi preoccupa. me ne sbatto bellamente i coglioni e piscio sui crani dell'umanita'. ecco.

Etichette:

3 Comments:

Blogger erica said...

ma alloar il plurale di 'igloo 'e' 'iglii??'

05 giugno, 2010 08:26  
Blogger astrosio said...

ovviamente non lo so. ci mancherebbe altro. se sapessi una cosa del genere, correrei le corse famose come quelle che si chiamano con nomi che per antonomasia significano "corsa famosa".

05 giugno, 2010 08:32  
Anonymous Rocco Loturzo said...

ti stimo fratello!!!
certe cose vanno dette come vanno dette, alle quattro di notte e/o alle 5 del mattino, come vanno dette, eccheccazzo proprio...

e te lo dico col sangue all'occhi!!!

io voglio costruirmi un hangar postatomico nella cantina del vecchio fabbricato della via del mercato, ove rintanarmi di soppiatto ed ammirare la mia collezione di figurine delle squole medie (ne troppo alte, ne troppo basse, così così).

ma tutto ciò è un segreto che non vi posso dire, almeno per ora....

05 giugno, 2010 15:59  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home