mercoledì, dicembre 17, 2008

zullite

c'era una volta un professore molto stimato che vendeva formaggio al supermercato. il professore si ammalo', gli venne una forma grave di zullite, una malattia che attacca lo zullo, che si trova nella zona periferica di Montichiari, un paese della provincia di Colletto, che si trova a nord della Manica. ma tutto questo e' inventato e soprattutto non ha senso ne' significato alcuno. tuttavia dimostra qualcosa che altrimenti e' difficilmente dimostrabile. e cioe' dimostra che anche qualcosa difficilmente dimostrabile puo' essere dimostrata attraverso una dimostrazione gratuita, arbitraria e apodittica. soprattutto apodittica. questo, a mio insindacabile giudizio e in virtu' dei poteri che mi sono appena conferito come ogni mattina dopo il caffe'.

Etichette:

10 Comments:

Blogger STEFY said...

PRIMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

17 dicembre, 2008 07:09  
Blogger STEFY said...

...si è ammalato di zullite....,
ma poi ??? Che fine ha fatto ???

17 dicembre, 2008 07:10  
Blogger NYY said...

Buongiorno ... Quante belle storie ;-)

17 dicembre, 2008 08:22  
Blogger Kaishe said...

Buongiorno al volo... senza nemmeno leggere...

A dopuuuussssssssssssssssss

17 dicembre, 2008 08:40  
Anonymous pg said...

le radiografie dei cani dandy ci stano come il cacio sui maccaroni!

Complimenti allo chef!

17 dicembre, 2008 10:46  
Anonymous Un infervorato PG profeta di giubilo said...

Cari lettori di questo blog, ma che dico blog, di questo manuale contro le frustrzioni, le umiliazioni che provate a casa vostra, la crisi internazionale, la più grande dal '29 ad oggi (ci tengo a sottolinearlo) si fa sentire anche qui, tra queste virtuali pagine, materialemnte incosnistenti, ma così dense e pregne di contenuto da divenir tangibili, coproree quasi.
Il trend dei commenti è drasticamente in calo e anche la kai, vera madrina di un tempo sembra osservare il suo figlioccio con sguardo benevolo ma distaccato!
Orbene, io vi esorto o popolo lettore e commentatore, non cedete alle nefaste notizie ebbre di pessismismo distruttivista delle radio e tivvù, e non cessate di seguire Astrosio lungo le scorribande del suo errare (umanum est). Reagite alla crisi, delapidate il vostro patrimonio di commenti e non ve ne avrete a male.
Per ogni commento riceverete un penny immaginjario e quando sarete arrivati ad un fantastiliardo di penny riceverete un autografo in gel da barba di R.L.T, anonimo pensatore libero del secolo scorso. Sara Connor lo ha fatto ed il giorno dopo un abitante del futuro ha bussato alla sua porta per proteggerla da un androide di titanio venuto per ucciderla.

NON PERDETE L'OCCASIONE! Come diceva la prof di chimica all'idrogeno e all'ossigeno: REAGITE!!!


scusate credo di avere un po' di febbre!

17 dicembre, 2008 12:07  
Anonymous anonimo said...

apodittico e atropologico mi state sul cazzo. ecco. snob di merda non vi capiscio. uffa.

17 dicembre, 2008 13:50  
Anonymous anonima inseguita da baby gang said...

si è tolto la Camicia ed è guarito, Stefy.

17 dicembre, 2008 14:11  
Anonymous anonima studenticida said...

Il professore guarito si trasferì a Quito...

ARRIVOOOOOOOOOO


(cheppalle..)

17 dicembre, 2008 14:19  
Blogger astrosio said...

steff, grandissimo oro. eppoi ha fatto la fine di tutti quelli ammalati di zullite. che non so che fine fanno. ecco.

nyy, grazie, o argenteo commentatore!

kaishe, bronzea et impagabile, eppoi? eh? eh? eh?

pg, tu sei un saggio. ma uno di quei saggi a cui i saggi chiedono lumi. quanno staccheno 'a corente!

cugina anonima, senza di te non so cosa farei. forse il cugino anonimo. ecco.

17 dicembre, 2008 16:54  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home