martedì, ottobre 20, 2009

il tramonto


il tramonto gonfia il cuore di cazzate. e i delfini sono degli animali di merda.
caro te,
e' inutile che al tramonto cerchi di concentrarti sulle cose, tanto quello che penserai sara' inevitabilmente una cazzata. e' inutile che provi ad aprire il cuore sul significato della vita, dell'amore, del rapporto uomo-donna; e' inutile che provi a pensare alla tua vita come una grande avventura: non lo e'. e non lo sara' mai. se fai i capricci, prima o poi qualcuno che ti dara' retta lo troverai, e magari avrai anche successo con le stronzate che avrai scritto, cantato, filmato eccetera. ma dentro di te, nel tuo intimo, nel profondo, saprai di essere inequivocabilmente una merda.

Etichette:

26 Comments:

Anonymous o anche said...

ma tramontati tua sorella.

20 ottobre, 2009 07:19  
Blogger astrosio said...

ecco.

20 ottobre, 2009 07:50  
Anonymous Anonimo said...

senti Rocco, ma dici che questo blog ce la darà, la pensione di anzianità?

e conta più il numero o la lunghezza, dei contributi?
...e i contributi figurativi?? io non ne ho manco uno...

20 ottobre, 2009 12:13  
Anonymous Anonimo said...

ho però una finestra del cesso al secondo piano; se non voglio che la gente ci guardi dentro, ho soltanto da metterci delle tende, giusto? e allora perché multano due giraffe perchè non rispettano la legge sulla privacy? eh?

eccheccazzo...

20 ottobre, 2009 12:28  
Anonymous Prof. Rocco De Loturzis Y Azevedo said...

Cara Anonima,
quello che tu dici è pura fantasia
(le tue affermazioni, seppur pienamente condivise, non troveranno mai riscontro in ambito assembleare in riguardo al rispetto del contratto di lavoro da noi stipulato con la proprietà del presente)

io credo che il numero e la lunghezza siano espressioni esclusivamente quantitative, e non orgogliosamente qualitative, nei riguardi delle nostre puntuali relazioni in questo pubblico contesto.

i contributi figurativi rimangono sempre inclusi nella sfera del personale e quini non v'è problema nel mantenere uno stretto giro di discrezione.

in merito al post odierno, la contraddizione emergente tra le dure affermazioni dell'autore ed il contesto da e per il quale traggono spunto, mi lascia alquanto basito e forte è il sentimento di perplessa riflessione che scaturiscono dalle stesse.

poichè più volte è stato quivi contestato l'atto di dedurre o esternare interpretazioni socio-filosofiche in riguardo ai temi di cui al dibattito, decido di astenermi dal commentare o presupporre co-implicazioni dello stato d'animo dell'autore nell'atto dello stesso porre a conoscenza il pubblico della quaestio principalis.

Mi dissocio pertanto dalle affermazioni odierne dell'Astrosio che, ove scientemente confutate, costituiscono di fatto un atto violento, gratuito e dalla gravità inaudita nei riguardi di una specie così amabile e pacifica come quella dei delfini.

la donna, invece, oggetto di una così febbrile, sanguigna e smodata invettiva è una peripatetica, i cui costumi, ove si possano ritenere tali, di fatto, sono assolutamente discutibili sia dal punto di vista estetico che morale

20 ottobre, 2009 12:33  
Anonymous la fusciacca allora said...

ultime tendenze in fatto di geografia: la valle d'aosta si è estinta. il veneto si è notevolmente ridotto a vantaggio del friuli-venezia giulia, che occupa l'intera fascia adriatica. la serenissima è circondata dalla pianura e il mose difende la carnia dagli sbarchi degli immigrati. la basilicata ha assorbito la campania e le sicilie sono due. la sardegna infatti non esiste, al suo posto c'è sempre stata un'altra sicilia ma in verticale, marsala al nord e catania al sud. e non mi sono inventata nulla.

20 ottobre, 2009 13:06  
Anonymous la quota rosa said...

io solidarizzo con la donna a priori, e anche a posteriori.
purché ben fornita.

20 ottobre, 2009 13:37  
Anonymous Anonimo said...

noo, solo per un fatto di simpatia. a me le curve stanno simpatiche.

20 ottobre, 2009 13:41  
Anonymous su un prato al tramonto said...

finché la rivoluzione delle margherite non portò alla creazione di due stati indipendenti: il myanmar e il non-myanmar.
e tutti vissero felici o scontenti.

20 ottobre, 2009 15:36  
Anonymous Anonimo said...

ce lo può rispiegaree?

in birmania, ex colonia britannica, la rivoluzione delle margherite portò alla creazione di due stati indipendenti: il myanmar e il non-myanmar. dove tutti vissero felici o scontenti.

e adesso fuori dalle palle.

20 ottobre, 2009 15:52  
Anonymous Anonimo said...

ps. non capisco il bisogno di scrivere su una confezione di sale iodato che non fa agrumi. forse perché prodotto in sicilia? maah..

20 ottobre, 2009 16:08  
Blogger NYY said...

Ma questa e' la lettera che il mega direttore scrisse a Fantozzi!!

20 ottobre, 2009 16:52  
Anonymous la signorina Silvani said...

la merdaccia di Fantocci ci hai ragione!! aahaahahaha!!

20 ottobre, 2009 17:24  
Anonymous Rocco loturzo said...

la puntuale lista di esempi di pillole di cultura anonimamente redatta, unita alla osservazione filmografica di NYY mi induce a pensare di non essere più al passo con i tempi e con i modi

sarà mia cura adoperarmi affinchè io possa essere al più presto al passo con le intenzioni

p

20 ottobre, 2009 17:31  
Anonymous Fantocci said...

scusate ancora una cosa e qui chiamo il maschio dominante "Rocco1" a esprimere un autorevole parere: seriamente, non trovate che l'attrice anna mazzamauro sia davvero una gran figa??

20 ottobre, 2009 17:39  
Anonymous anonima a maschio dominante Rocco1 said...

maschio dominante Rocco1 ci sente?

20 ottobre, 2009 17:50  
Anonymous Anonimo said...

kaishee??
musaaa??

c'è un gatto tenerissimo che sta per affogare nel suo pisciooo...

20 ottobre, 2009 18:10  
Anonymous Maschio dominante Rocco1 said...

Maschio dominante Rocco1 ad Astruserie..
mi sentite?
passo

Maschio dominante Rocco1 ad Astruserie..
mi sentite?
passo

si, la mazzamauro da gran perchione quale ella era, era a conoscenza dei segreti dell'arte della seduzione e risultava essere, ai suoi tempi un gran femminone.

d'altra parte, essendo il target delle sue attenzioni un nutrito gruppo di ragionieri burocrati ignioranti, insomma poco ci voleva.

nell'ambito della storiografia del cinema spesso e volentieri mi sono tornate in mente analogie tra la figura della signora Silvani e quella della felliniana "Gradisca" ancor più di quelle della Tabbaccaia o delle sue enormi tette.

20 ottobre, 2009 18:15  
Anonymous sempre lui (il fustino col buco intorno) said...

eccomunque a sto punto molto bene ci starebbe la pic-ciar della mazzamauro a sostituzzione della foto del mare coi delfini, che rende più l'idea del trascorso storico del tempo e dell'uomo e di ciò che egli rappresenta nel suo ego interiore.

da
figli di un ego minore
Meteferio Natròmbat
edizioni margherita
collana uno si uno-no

20 ottobre, 2009 18:18  
Anonymous fantocci said...

la mazzamauro ruba cuori più dei trafficanti di organi nel burundi!

20 ottobre, 2009 18:31  
Anonymous fantocci said...

mazzamauro figaaaaaa!

20 ottobre, 2009 19:01  
Anonymous fantocci said...

che sguardo magnetico, che voce sensuaaale...che corpo flessuooso....

20 ottobre, 2009 19:04  
Anonymous Rocco Loturzo said...

Astrosio?
avverto un leggiero languorino..
ma non è fame..
..piuttosto..
è voglia di qualcosa di buono...

20 ottobre, 2009 19:09  
Anonymous la quota rosa said...

la mazzamauro è parente della mazzantini? insonmma, io non ci capisco più niente. e finitela con queste insinuazioni contro le donne.

20 ottobre, 2009 19:15  
Anonymous la quota rosa said...

e non è affatto vero che si odiano, anzi sono molto legate e tutti i giovedì prendono il tè insieme.

20 ottobre, 2009 19:20  
Anonymous licia said...

..a parte avere un qi più alto del mio, cosa hanno fatto i delfini??

20 ottobre, 2009 19:29  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home