martedì, gennaio 12, 2010

il cefalo

seguendo un filo intuitivo, questo filo mi ha spiegato un sacco di cose che conosceva grazie al suo meraviglioso intuito. erano un paio d'ore ormai che parlavo con un filo, quando sono venuti a prendermi. due angeli neri. con il cappello da carabiniere. anzi, a dirla tutta, erano due carabinieri. che mi hanno detto che era estremamente sconveniente parlare con un filo. allora ho capito che erano angeli come io sono un grande surfista. cioe', per niente. abbiamo dunque iniziato a discutere del concetto di "convenienza" nella societa' occidentale contemporanea quando uno dei due si e' accorto che si era fatto tardi e doveva andare a fare la spesa. e' montato sul suo cane da slitta, e quello, poveretto, camminava piu' veloce che poteva sotto il peso del carabiniere frettoloso. cioe', camminava lentissimo. voglio dire, un cane da slitta non puo' camminare svelto se ha sopra un carabiniere dal peso approssimativo di 80 Kg. pertanto camminava pianissimo e male. e il carabiniere sopra di lui lo rimproverava e lo invitava ad andare piu' in fretta perche' se no il supermercato chiudeva. io e l'altro carabiniere, intanto, guardavamo la scena basiti. allora ho detto: "roba da pazzi...". e l'altro carabiniere ha detto: "si', non ci si puo' ridurre all'ultimo momento". e ha scosso la testa. poi ci siamo salutati e ognuno e' andato per la sua strada. ed e' stato cosi' che ho incontrato un cefalo.

Etichette:

13 Comments:

Anonymous Rocco Loturzo said...

Mamma mia...
sono atterrito dal turbinìo di pensieri scaturitisi dalla profonda ed attenta lettura di questo aneddoto.

il primo fra tutti è che è importante!
Certo, è importante incontrare un cefalo per le vie di Milano!
Egli ti apre la via a tante esperienze ittico-mistiche diversamente negate agli occhi ed alla mente di tutti gli esseri senzienti che accompagnano inconsapevolmente il tuo cammino sulla retta via.

ed è la stessa retta via che scorre sulle righe di un filo invisibile, con il quale è veramente difficile interloquire, e tu ci sei riuscito, tutto da solo!

io sono onorato, oggidì martedì 12 settembre del 1985, di aver preso parte alla stessa, condividendo l'esperienza mistica da te sapientemente e riccamente e spontaneamente ed amorevolmente testè quivi narrata.

ora però devo porgervi una domanda:
ciavete due sacchi che devo andare a prendere la metro?

12 gennaio, 2010 11:17  
Blogger astrosio said...

tie'. tre.

12 gennaio, 2010 11:19  
Blogger elisabetta said...

tutto ciò è falso,sallo!

12 gennaio, 2010 14:10  
Blogger astrosio said...

so questo ma so anche il contrario. che non vuole dire molto. non ha un significato degno di questo nome. ovvero un significato degno di significato. che significa, significa, significa... all'infinito... ecco.

12 gennaio, 2010 14:38  
Anonymous Anonimo said...

il mio primo pensiero oggi è stato ma perchè non si chiama insuina anziché insulina se la estraggono dai maialii??

ehm.


rooooonnfff...

12 gennaio, 2010 16:21  
Anonymous Rocco Loturzo said...

perchè cià la febbre!!

e sappiate tutti che sta stronzata è da record!

12 gennaio, 2010 16:35  
Anonymous la portinaia alcolizzata said...

fare addensare il contenuto aggiungendo significato a poco a poco. far raffreddare e cospargere il microcefalo bollito con la salsa ottenuta. guarnire con capperi e metafore.

12 gennaio, 2010 16:41  
Anonymous Anonimo said...

Tesoro il dormiveglia è libero di dire quello che vuole. me lo ha detto mio cugino.

:-))

12 gennaio, 2010 16:42  
Anonymous Rocco Loturzo said...

ENNO!!
al gioco dei luoghi comuni non ci sto!

Non mi piacciono i luoghi comuni
mi piacciono i luoghi singolari, straordinari, esotici

il dormiveglia è il primo della vista, o della lista?
bo non lo so ma dicevo..

il caroprezzi, il fintocontino
il raggiro, il cazzabbubbolo, la protoplasmina

ecco questi si che sono luoghi straordinari

ove riflettere sui quadrati costruiti sui cateti di una ignoranza che sottende ad una torrida ipotenusa!!

e questo e quantaltro lo si evince anche dal cicisbeo in salsa tonnata che mi accingerò a rigirare nella frittata!

EEEECCCOOOO!!

12 gennaio, 2010 16:52  
Anonymous la portinaia col menù in mano said...

cicisbeo il salsa tonnata, grazie.

12 gennaio, 2010 17:00  
Anonymous Anonimo said...

ps. mio insuperabile alabardo della selva nera, domani entrerò in classe declamando la tua penultima strofa! sublime.

12 gennaio, 2010 17:08  
Anonymous Rocco Loturzo said...

ed io, dopo il tuo ultimo capoverso,
Muoverò il Bigatto in posizione di scacco alla Reggina!

12 gennaio, 2010 17:41  
Blogger erica said...

Io continuo a preoccuparmi per la macchina in divieto di sosta..ma questi sono gli stesso polizziotti di quella volta che sparasti al bel culo della tua ex morosa ??

17 gennaio, 2010 07:47  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home