lunedì, dicembre 22, 2008

la distanza dei giorni

natale e' ormai alle porte. e anche capodanno. pasqua invece e' un po' lontana. mentre invece ferragosto lontanissimo. il prossimo. quello passato invece e' piu' vicino. calcolando la vicinanza o la lontanza, insomma la distanza insomma delle feste da un giorno qualsiasi, si puo' facilmente osservare come questa cambi in continuazione al cambiare del punto di osservazione, ovvero del giorno qualsiasi suddetto. se per esempio oggi fosse il 3 marzo, mancherebbero un numero di giorni x per il natale successivo, un numero di giorni y per i ferragosto successivo e un numero di giorni z per la pasqua successiva. prendendo i valori di x, y e z, e dividendoli per 2, avremmo un valore k che probabilmente non ci servirebbe a un cazzo. e tu, o lettore che hai letto fin qua, forse hai perso il tuo tempo perche' non volevo arrivare ad alcuna conclusione. ma non prendertela con me. ho scritto "forse".

Etichette:

8 Comments:

Blogger Kaishe said...

... Il primo giorno d'inverno dà l'idea del concetto da te egregiamente espresso...
Quello del 2008 è vicinissimo... quel del 2009 occuperà nell'attesa ben 364 giorni... prativamente un anno...

Ne deduco che con i giorni ci vuole pazienza!

Con questo di oggi... beh, vediamo come si comporta.

Speriamo sia buono altrimenti lo mettiamo in castigo per un anno...

22 dicembre, 2008 08:21  
Blogger astrosio said...

kaishe, proprio cosi'. ecco. o aurea, kaishe, se oggi non si comporta bene, si fa un anno di galera. ecco.

22 dicembre, 2008 08:32  
Anonymous un querulo maturo della questua di san grifone said...

COMUNQUE SEMPRE DI MATEMATICA TRATTASI..

sfifo chiunque a misurare la distanza tra qua e la, per esempio

per non parlare tra sotto e sopra

per non parlare della distanza tra una mela verde ed una pagnotta appena sfornata

oppure la distanza tra un essere supremo,tipochesso i cavalieri di Joule di alpha centauri ed un torsolo di bicocca della famosissima collezione personale di Plinio il Vecchio

insomma, quello che voglio dire è questo
anche io so contare,
ma non contateci!

PS
e se prendete distanza dalle mie affermazioni vi ammonisco

22 dicembre, 2008 14:04  
Blogger Leonardo Arpioni said...

Domani ultimo giorno di lavoro poi, di alzare un dito, non se ne parla fino al 7 Gennaio. Wooohoooo!

22 dicembre, 2008 14:46  
Blogger astrosio said...

querulo, mai contarci troppo. ci arrabbiamo.

leonardo, che il natale ti porti tanta gioia, felicita' e troie.

22 dicembre, 2008 15:36  
Anonymous Siviglia said...

Il 26 dicembre é molto più vicino al Natale successivo che a quello precedente: infatti, a meno di grosse sorprese, difficilmente si riuscirá a tornare indietro di un giorno. All'anno dopo si può ragionevolmente sperare di arrivare.

Anche questo si può quantificare con un coefficiente alfa la cui esistenza è del tutto improbabile e, se non lo fosse, poco o niente ce ne cale.

22 dicembre, 2008 18:45  
Blogger NYY said...

Ciao passo per augurarti un felice e sereno Natale ci si rilegge nel 2009!!

22 dicembre, 2008 19:14  
Blogger astrosio said...

siv, hai ragione. pienamente. e mi piace un sacco il fatto che hai definito "lontano" (per quanto estremamente) un evento che i piu' avrebbero definito impossibile. meriti un osbel. ecco.

nyy, grazie. ricambio commosso. vabbe', ho esagerato. ma non troppo.

23 dicembre, 2008 05:11  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home