mercoledì, marzo 23, 2011

mica c'e' niente da ridere


poesia:
ho visto un gatto
ho visto un ratto
ho fatto un patto
ho cotto un matto
ho letto un tetto
ho rotto un piatto
ho pagato un signore che e' venuto a casa a riparare il termosifone ma questo non c'entra, ne' fa rima. non fa ridere, non fa piangere. forse alimenta depressione. questo si'. ma solo forse. fossi in grado di alimentare depressione con certezza, userei questa capacita' per ricattare persone. del tipo: se non mi dai cento euro ti deprimo! dammi cento euro o ti deprimo!
mi metterei dietro gli angoli delle strade come i rapinatori delle barzellette della settimana enigmistica e direi: altola', o la borsa o la depressione. tipo.

Etichette:

10 Comments:

Blogger leftheleft said...

computer says: "ho letto un tetto"?

24 marzo, 2011 13:18  
Blogger astrosio said...

non solo uno: ci sono dei tetti molto leggibili. pensa che una volta uno zio da parte di mio piede mi disse che aveva letto un tetto gonfiabile!

24 marzo, 2011 17:00  
Blogger leftheleft said...

il tetto quindi da leggersi come metafora esistenziale della spiovenza dell'essere che come acqua piovana tracima verso la fogna del divenire.
oppure forse....
interessante....

24 marzo, 2011 17:11  
Blogger leftheleft said...

io però tutta 'sta cultura in una botta sola mica la reggo...
nonnonnonnò.

24 marzo, 2011 17:13  
Blogger astrosio said...

vabbe', left, la cultura dell'insalata e' faticosa...

24 marzo, 2011 18:24  
Anonymous Anonimo said...

ch'hai fatto? er gatto?
ch'hai detto? er tetto?
che dici? 'a bici?
ndo vai? hawaii?
credo

26 marzo, 2011 20:39  
Anonymous Anonimo said...

oppure c'è sempre la cara vecchia:
cara mella
morta della
manda rino
baci nella

26 marzo, 2011 20:41  
Anonymous Anonimo said...

fembrus

26 marzo, 2011 20:41  
Blogger astrosio said...

ti amo, fembrus. questo lo sai, vero?

26 marzo, 2011 21:05  
Anonymous corpo10 said...

bellissima l'idea di usare la capacità di deprimere a scopo di lucro! Potrebbe funzionare anche l'auto depressione? Tipo: dammi cento euro sennò mi deprimo qui davanti a te, poi mi suicido e così avrai un morto sulla coscienza

05 maggio, 2011 16:08  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home